Questo è un periodo dell’anno particolarmente importante e intenso per Tenuta Cavasecca. È proprio in questi giorni, infatti, che ha inizio la raccolta delle olive.

Vogliamo parlarvi di come avviene questa fase fondamentale che necessita della massima cura e attenzione per poter garantire sempre l’elevata qualità dei nostri oli.

Prima ancora della raccolta è fondamentale sapere quando le olive sono pronte, conoscerne il giusto grado di maturazione. Il parametro per stabilire quando è il momento migliore per la raccolta è l’invaiatura, cioè il cambiamento di colore della buccia del frutto che passa dal verde al violaceo. Quando l’invaiatura è al 50%-60%, allora le olive sono pronte per essere raccolte, poiché è in questa fase di maturazione che si ha il maggior quantitativo di olio e di sostanze fenoliche responsabili delle qualità nutrizionali e organolettiche dell’olio.

I metodi di raccolta sono fondamentalmente di due tipi: manuale o meccanico. La scelta dell’uno o dell’altro ha delle inevitabili conseguenze sulla qualità dell’olio e sulla salute della pianta.

Se la raccolta viene effettuata distaccando i frutti direttamente dai rami si definisce brucatura. Esiste poi la raccattatura che consiste nell’attendere che le olive cadano naturalmente al suolo per poi raccoglierle. Questa pratica non consente di ottenere un vero olio extravergine poiché le olive si trovano ad uno stadio avanzato di maturazione, quindi di ossidazione. Al contrario, è stato dimostrato che con la brucatura le olive mantengono un grado di acidità molto basso, grazie al quale l’olio potrà fregiarsi della denominazione “olio extra vergine d’oliva”.

Qui in Tenuta utilizziamo il metodo manuale della brucatura, tecnica che consiste nello “strisciare” i rami con il pugno semichiuso, lasciando cadere le drupe (frutti) in ceste o sulle reti stese in precedenza al suolo. A volte ci si serve anche di piccoli strumenti, come rastrelli o pettini, che agevolano sensibilmente la raccolta.

Nei pochissimi casi in cui la raccolta è resa particolarmente difficile dalla pianta (quando è molto alta oppure in caso di alberi secolari), allora ci si serve anche del sistema dell’abbacchiatura, che consiste nello scuotere i rami con l’ausilio di pettini a motore elettrico.

La fase di raccolta dura tra i 10 e i 25 giorni, a seconda delle quantità che possono variare di anno in anno. Una volta terminata, le olive sono poste in cassette di plastica forate e trasportate al frantoio entro le dodici ore successive alla raccolta, così da preservare la naturale freschezza delle olive.