L’immagine di Tenuta Cavasecca è legata indissolubilmente alle opere del pittore e amico Gaetano Tranchino. Siciliano come noi, nasce nel 1938 a Siracusa, città dove vive attualmente e dalla quale si allontana solo in rare occasioni. Ha dedicato la sua vita all’arte, in una costante ricerca di perfezionamento.

Antonio Ficara conosce Gaetano nei primi anni ‘80 e s’innamora subito delle sue opere, nasce così una sincera e profonda amicizia. Quando, negli anni ’90, Antonio e Lucia Ficara avviano l’impresa Tenuta Cavasecca, la scelta dell’immagine con la quale presentare al pubblico i nostri oli cade inevitabilmente sulle opere del maestro Tranchino, poiché nella sua arte è possibile cogliere lo spirito, i colori e le atmosfere della nostra cara Sicilia.

Cavasecca Tranchino Siracusa

Antonio e Dario Ficara insieme a Gaetano Tranchino nel suo studio

Ecco allora che sulle etichette dei nostri Firrisa e Miscazzè sono rappresentati alcuni particolari di quattro opere del maestro Tranchino che hanno da subito colpito la nostra immaginazione.

 

Tranchino - Siracusa

Gallo – olio su carta – 1993

 

Miscazzè - Tranchino - Siracusa

Stazione marittima – olio su tela – 2003

 

Miscazzè - Tranchino - Siracusa

Poltrona, comò ed altri – olio su tela – 1979

 

Miscazzè - Tranchino - Siracusa

Uomo e cane – olio su tela – 2004

 

Leonardo Sciascia, amico di Gaetano Tranchino, di lui ha detto: “Tranchino non lavora, si diletta: dipinge cioè con diletto, con piacere, come in una prolungata vacanza — tanto prolungata –, continua ed intensa da assorbire interamente la sua vita.” Parole queste che descrivono alla perfezione il modus operandi di Tranchino, libero da condizionamenti e dall’ansia di ottenere fama e notorietà, unicamente rivolto verso un’assidua ricerca di miglioramento.